''MADRE, AIUTAMI'': PAMELA SAINO, ATTRICE A TUTTO TONDO (el91)Venerdì si è conclusa ''Madre, aiutami'' , la fortunata miniserie in quattro puntate per Rai uno, con protagonista Virna Lisi.

Se la Lisi è sicuramente una delle attrici più brave e capaci che abbiamo in Italia, in questa fiction salta agli occhi anche l’interpretazione magistrale di una giovane interprete, Pamela Saino.

Tutti noi la ricordiamo soprattutto per il ruolo di Patrizia Cecchini in Don Matteo, ma Pamela è anche altro e interpretando il ruolo di Suor Maria, una missionaria che in Congo viene violentata, rimane incinta ed è costretta a passare gli ultimi mesi di gravidanza in prigionia, l’ha dimostrato.

Ciò che mi ha colpito di più è stato il fatto che Pamela è riuscita a calarsi perfettamente in un ruolo estremamente difficile, lei stessa ha raccontato, in una recente intervista, di come sia stato complicato rappresentare la scena in cui Maria, stremata, muore dando alla luce il suo bambino.

Un ruolo estremamente diverso da quello a cui la Saino ci aveva abituati, nulla a che vedere con la dolce Patrizia, personaggio da ha interpretato per ben sette edizioni, fatto per altro scomparire in modo assurdo da Don Matteo, per ''esigenze narrative''.

In ''Madre, aiutami'' l’attrice si è messa davvero alla prova, ha tirato fuori grinta, passione e determinazione. In alcuni passaggi sembrava quasi che la sofferenza provata dalla giovane suora, fosse una sofferenza provata anche da lei stessa. Pamela Saino aveva, sicuramente, già dato prova della sua bravura con altri ruoli, questo è palese, ma in ''Madre, aiutami'' c’è stato qualcosa in più, un salto di qualità, una crescita interiore.

Sono sicuramente queste le capacità artistiche che dovrebbero avere tutti gli attori, giovani e non: la duttilità, la voglia e la capacità di mettersi in gioco, ma anche l’accettare sfide che non sempre è detto portino a risultati ottimali.

In un mondo come quello in cui viviamo oggi, fatto di strapoteri, di cariche e ruoli avuti non per i propri meriti, ma semplicemente perché la raccomandazione è una strada più semplice e breve da percorrere, vedere che esistono ancora persone come Pamela fa davvero piacere.

Il suo lavoro è nato come un gioco quando era bambina, terminata la scuola ha iniziato davvero a studiare recitazione e di quel gioco ne ha fatto una professione. Sicuramente un modello da seguire la Saino, un modello per tutte quelle ragazze e per tutti quei ragazzi che credono davvero nel sogno di diventare dei bravissimi attori.

Pamela è l’esempio che non è sempre corretto quel luogo comune, che purtroppo siamo abituati a sentire, secondo cui i giovani sono tutti fannulloni e poco inclini al lavoro; non è affatto così. Il mondo è pieno di ragazzi che inseguono un sogno, un sogno che può essere di qualsivoglia natura, ma pur sempre un sogno. Vero è che questi sogni possono essere realizzati solo se ci si mette impegno, caparbietà e dedizione. Tutte qualità che Pamela Saino ha la fortuna di avere.

Forse anche questo ha decretato il successo di ''Madre, aiutami''.

Brava Pamela, continua così.

Vuoi sapere quante visite ha questo articolista? Clicca sul bottoncino "VS" a lato.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment