isola-dei-famosi, il logoIl tempo non è clemente a Cayo Paloma e le condizioni sono troppo precarie per lasciare che i naufraghi rimangano sull'isola dei famosi, così la produzione decide di trasferirli in un capanno di legno.

Al loro arrivo, il povero capanno sembra una "reggia", un posto asciutto e con dei letti normali dove dormire: il Divino Otelma si impossessa immediatamente di una camera con un letto matrimoniale forse nella speranza che Jivago si unisca a lui, ma questi sembra essere diventato lo schiavetto personale di Valeria, con la quale divide il letto.

Guendalina non può fare a meno di notare che Jivago ha perso smalto, vitalità e sembra essere la larva del Jivago di Cayo degli eletti, anzi ironizza sul fatto che il modello sia diventato il maggiordomo di Valeria, alla quale piega anche la coperta.

La produzione dell'Isola dei famosi mette a disposizione dei naufraghi un pasto caldo e al momento della spartizione arrivano prontamente le polemiche sulle razioni di cibo fatte che non sembrano essere eque.

Riprendono le discussioni su chi divide, chi non divide il suo con gli altri, chi offre e chi non offre, chi mette in comune e chi si tiene quel poco che ha... e come al solito la polemica coivolge Valeria Marini che in quanto a cibo sembra essere più insaziabile di Guendalina.

 

Chissà come reagiranno eroi ed ex eletti quando rientreranno a Cayo Paloma e troveranno ad attenderli il gladiatore Max Bertolani, rientrato in gioco dopo essersi ritirato insieme ad Enzo Paolo Turchi.

written by Mara Peruzzi

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment