la pop star Lady GaGaLa celebrità ha diverse tappe per dirsi completa e una di queste, ormai dal diciannovesimo secolo, è la raffigurazione ia parte degli artigiani del Museo delle Cere di Madame Tussauds, un rito imbalsamatorio un po' macabro che però piace moltissimo, tanto da essere una delle più importanti attrattive turistiche di Londra.

 

Realizzate le prime esposizione nel 1802 grazie alla maestria nella lavorazione della cera che contraddistinguevano Madame Tussaud, l'idea ha continuato a reggere all'avvento della modernità, diventando oggi un'appendice dello show business, parallela al successo che "gli originali" ottengono nel loro campo di azione.

 

I responsabile della multinazionale Merlin Entertainement, titolari dei 12 Musei "Madame Tussaud", da Londra a Hollywood a Shangai, non potevano evidentemente lasciarsi sfuggire una "preda" appetibile come la pop-star Lady GaGa, attualmente in testa a quasi tutte le classifiche che il mondo dell'entertainement ha inventato per celebrarsi, ed hanno esposto ieri altre due statue di cera di Lady GaGa, una a New York e una a Londra.

La Lady GaGa americana è la versione della pop-star con i capelli acconciati a fiocco in cima alla testa, quella inglese è la versione Lady GaGa con cappellino a forma di telefono.

 

Oltre allo stile "Telephone" e "Hair hat", sono in programma le statue di cera "Lady in lace", "Harlequin", "Kinky Boots", "Mini Mouse", "Wired wings dressing with lighting eye" e "Big Hair".

Se il successo di Lady GaGa continuerà a questo ritmo, sarà forse necessario aprire un Museo delle Cere tutto per lei.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment