Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Canzoni mondiali

Pullulano le canzoni per i mondiali, un evento che non lascia indifferente la discografia. Lanciato anche un intero album. Se la canzone ufficiale (ogni mondiale ne ha una dal 1962) è “We are one (Olè Olà)” di Pitbull, Jennifer Lopez e Claudia Leitte, Shakira non ha però voluto mancare l’appuntamento lanciando un nuovo brano “Dare (La la la)”, che è il secondo tema musicale della manifestazione.

Anche in Italia alcuni cantanti si sono cimentati nell’impresa di confezionare un testo che avesse a che vedere con il calcio, da Mina a Emis Killa, passando per Edoardo Bennato. Le canzoni vengono trasmesse più volte al giorno, ma rimane qualche perplessità sul valore dei brani.

Le canzoni sono tutte abbastanza orecchiabili, e vanno bene per la stagione estiva. Molto meno convincente la qualità dei brani. In Brasile è stato criticato l’inno ufficiale, anche ben prima della cerimonia di apertura, quando Jennifer Lopez si è esibita in playback. Non si sentirebbe – secondo i brasiliani – il vero spirito del Paese, e molti avrebbero preferito che l’incombenza fosse affidata ad un cantante carioca piuttosto che cercare altrove.

Dubbi anche sul successo di Emis Killa: il video di “Maracanà” ha raggiunto in fretta le 4 milioni di visualizzazioni su youtube, ma forse dal rapper ci si poteva aspettare qualcosa in più di una semplice rima “Maracanà – shalalà”. Mina ha ottenuto il risultato più efficace, con un testo e una musica abbastanza ricercate, dal sapore retrò e impreziosite dalla voce della cantante lombarda.

Bennato ha puntato sulla nostalgia, perché in Italia è rimasto impresso il suo “Un’estate italiana” (resa celebre in inglese col titolo “To be number one” da Giorgio Moroder), cantate in compagnia di Gianna Nannini. La sua voce viene immediatamente accostata a quella che accompagnò il cammino dell’Italia nel mondiale del 1990.

Forse perché si giocava in Italia, forse perché gli azzurri disputarono un grande mondiale, arrivando terzi, forse perché il testo è in italiano, è uno dei brani che sono rimasti più impressi.

Anche nel 2010 la canzone ufficiale, interpretata da Shakira, col ritornello in lingua camerunense “Waka waka”, fu un grande successo.

Grande musica anche ai mondiali del 1998 in Francia, con “La copa della vida (The cup of life)” di Ricky Martin. Poco duraturo invece il “Boom” di Anastacia ai mondiali del 2002 in Corea e Giappone.

Della Germania del 2006 più della canzone ufficiale, “Zeit dass sich wass dreht (Celebrate the day)” di Herbert Groenemeyer, Amadou & Mariam, si ricorda il po-po-po dei tifosi italiani, cantato sulla melodia di “The white stripes” dei Seven Nation Army. Segno che per rimanere impressi non basta essere l’inno ufficiale dei mondiali, ci vuole anche un brano canticchiabile, ballabile e un testo facile da ricordare.

Domenico Mussolino

Vuoi sapere quante visite ha questo articolista? Clicca sul bottoncino "VS" a lato.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment