Benito Mussolini! Al cinema...
Benito Mussolini! Al cinema... 

Un film comico è una operazione fascista o una parodia del fascismo? E' una delle tante domande che è lecito porre e porsi di fronte al nuovo film di Luca Miniero: "Sono tornato". Sì, proprio lui! Il Duce del fascismo, con protagonisti della fatica cinematografica Massimo Popolizio e Frank Matano. In casi del genere ogni commento scatena polemiche: chi dice "Mussolini ha anche fatto cose buone" viene subito addiato; chi pubblica la locandina su Twitter a testa in giù come a piazzale Loreto viene a sua volta attaccato e criticato. Come se ne esce? Andando a vedere il film? Che poi è l'obiettivo principale di chi lo ha realizzzato...

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Giovedì 1' febbraio è la data dell'arrivo al cinema di "Sono tornato", il film che Luca Miniero ha adattato per l'Italia sostituendo Adolf Hitler, protagonista della commedia tedesca "Lui è tornato", con Benito Mussolini.

Nelle vesti del del Duce appare sul grande schermo Massimo Popolizio, con al suo fianco Frank Matano, nei panni del documentarista Andrea Canaletti.

La domanda è provocatoria e stimolante: cosa succederebbe se Mussolini tornasse oggi in Italia?

Nel film Popolizio gira per le strade di Roma in auto scoperta: in molti lo salutano o fanno il saluto romano, altri fanno le corno o sollevano il pugno chiuso.

Il regista Luca Miniero ha detto: "Mussolini che torna fa paura non perché riporta il fascismo in Italia, visto che l’Italia di oggi è piena di movimenti para-fascisti  il problema è che risveglia il populismo interno all’Italia di oggi e che i media non fanno altro che avallare".

Le sue parole sul paragone con il fuhrer del nazionalsocialismo: "Non avevamo un demonio come Hitler tra le mani ma un para-demonio come Mussolini e non volevamo giudicarlo, né noi né Massimo Popolizio che l’ha interpretato, per rilevare le caratteristiche degli italiani tramite il filtro del Duce".

Luca Miniero è il regista del campione di incassi Benvenuti al Sud, ma il suo nuovo film è basato sul libro di Timur Vermes e ispirato al film di Davis Wnendt che ipotizzava il rientro in patria di Adolf Hitler

Sono tornato prende il via con i toni della commedia ridanciana e arriva ai titoli di coda con quelli del dramma grottesco.

Non sarà facile per gli oppositori a oltranza del fascismo andare a vedere il film, ma non è stato facile nemmeno per il Mussolini della finzione provare a raccapezzarsi nell'Italia del 2018

Sulla scena di vedono bambini di colore che giocano nel cuore della capitale: "Ciabatte, polpacci nudi, sono ad Addis Abeba? Dove è finito l’Impero?", e poi le parole inglesi che sostituiscono la lingua autarchica: "Mouse? Perché non lo chiamano semplicemente topo?". 

E' così che il Duce, misteriosamente riemerso dalla Porta Magica di piazza Vittorio, a Roma, affronta a fatica la nuova realtà e a poco a poco se ne impadronisce grazie a quelli che ostinatamente chiama "media sociali".

Il tutto viene filmato dal giovane documentarista Canaletti (Frank Matano), che lo ha scambiato per uno sconosciuto talento della comicità, Benito Mussolini (Massimo Popolizio).

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Mussolini al cinema nel film di Luca Miniero, dal 1 febbraio, ilsussidiario.net, 30 gennaio 2018.

Per l'immagine: www.we-news.com

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment