VERONICA MARS, IL FILM REALIZZATO GRAZIE AI FANEra una delle serie più viste in America. Era anche uno dei migliori programmi nel panorama internazionale. Era una serie televisiva a metà tra il genere mistery e la commedia. La protagonista era un’investigatrice dilettante che frequentava ancora il liceo.

Dopo tutti questi indizi, sarete sicuramente giunti alla conclusione che si sta parlando del celebre teen drama “Veronica Mars”. E’ stata trasmessa dal 2004 al 2007, per un totale di tre stagioni, realizzate dalla mente geniale di Rob Thomas. Molti sono i premi, i riconoscimenti e le nomination che la serie tv ha ricevuto nel corso degli anni.

Log in to comment

ALLACCIATE LE CINTURE: UN FILM CHE COLPISCE AL CUORE (by el91)In genere quando si va al cinema, più o meno si sa già che film ci si siederà in poltrona a guardare. Si ha già, magari a grandi linee un’idea della trama. Oggi nel vedere Allacciate le cinture, il nuovo film di Ferzan Ozpetek, nelle sale da giovedì, invece mi è successa una cosa strana a metà film non sapevo più bene che cosa stessi guardando.

Era come se qualcuno mi avesse presa e portata a mia insaputa in un’altra sala dove la storia cambiava.

Log in to comment

''ALLACCIATE LE CINTURE'': IL NUOVO FILM DI OZPETEK. TUTTE LE TURBOLENZE DELL'AMORE SI POSSONO SUPERARE? (by el91)Sarà accaduto a tutte le coppie di lungo corso, magari alla soglia dei cinquant’anni di fermarsi un attimo e nel vedere l’altro porsi la domanda: '

'Ma chi è la persona che mi è stata accanto per tutti questi anni?''.

Inizia così un lungo percorso fatto di bilanci, di pensieri e forse anche di rimpianti e ripensamenti. Un percorso che ci porta a dire: ''Fino a qui sono arrivato, ma adesso? Cosa faccio? Cosa Facciamo? Ma soprattutto, qualsiasi cosa accada, la faremo insieme?''

Log in to comment

DA BESTSELLER AL GRANDE SCHERMO - PARTE SECONDA (By fv73)Il regista Alberto Lattuada ci regala la sua idea sulla difficoltà del trasformare un libro in film. Partendo dal fatto che la struttura di un romanzo è completamente diversa dalla struttura narrativa di un film, per la realizzazione bisogna necessariamente apportare dei cambiamenti.

Qui viene il bello e il difficile perchè occorre in un certo senso riscrivere il libro in questione. Aggiunge un concetto che potrebbe da solo rispondere a molte delle domande che ancora oggi, ben 43 anni dopo ci facciamo spesso dopo aver visto un film tratto da un romanzo: la trasposizione fedele di un libro in un film non ha senso non essendo un opera cinematografica il punto di partenza.

Log in to comment

DA BESTSELLER AL GRANDE SCHERMO - PARTE PRIMA (By fv73)Non è certo una novità assistere alla trasformazione di eccellenti libri in pellicole di successo. Ci sono film che vale la pena vedere ma solo dopo aver letto il libro ed altri che non si avvicinano minimamente alle atmosfere create dall'inchiostro su pagina.

Come esempio non si può non citare l'attempato ma sempre attuale Via col vento. Un classico, un caso in cui negli anni 30 il film è uscito in contemporanea con la sua versione scritta. E' una bellissima storia e il film è abbastanza fedele, anche se tralascia alcuni fatti importanti.

Log in to comment

TRAMA E RECENSIONE DEL FILM ''TI HO CERCATA IN TUTTI I NECROLOGI''

TRAMA DEL FILM ''TI HO CERCATA IN TUTTI I NECROLOGI'':

Nikita (Giancarlo Giannini) è emigrato dall'Italia in Canada e si guadagna da vivere guidando un carro funebre. Ha però il sogno di poter possedere una Mercedes nera.

Un giorno, durante un funerale, incontra un uomo misterioso e facoltoso, Braque (Frederik Murray Abraham) amico del defunto.

Tra lui e Nikita scatta una simpatia e l'uomo, scoperto il sogno della Mercedes, lo invita a partecipare ad un poker un po' insolito: chi perde ripaga il debito offrendosi di essere la preda per una caccia all'uomo.

Accumulando debiti sarà Nikita il prescelto e riuscendo a sopravvivere per 20 minuti, lo salderà.

Impavido però, continuerà a partecipare a queste cacce all'uomo per racimolare grandi quantità di denaro e nel frattempo conoscerà una donna misteriosa, Helene (Silvia De Santis).

Log in to comment