Golden GlobeLos Angeles, Hilton Hotel, premiazione dei Golden globe 2012 presentati da Ricky Gervais.

Ricky Gervais attore, regista, sceneggiatore e comico americano alla sua terza conduzione dell'evento che dopo la fatica è corso a New York per un meritato riposo e deve essere stata davvero una fatica per lui tenere a freno le battute che l'anno scorso sembravano l'avessero bandito per sempre dalla conduzione dell'evento, anche se non si è risparmiato del tutto.

Dev’essere stata una fatica immane non punzecchiare le star, che sul red carpet si sono fatte tutte più o meno notare, soprattutto le donne e soprattutto per la scelta degli abiti.

In alcuni casi l'eleganza l'ha fatta da padrona, in altri forse è rimasta chiusa nell'armadio appesa alla gruccia del vestito indossato, come per Erin Wasson, in slip neri e sottoveste di pizzo.

Si sa Hollywood e le sue stars spesso eccedono.

Esempio di questo eccesso è George Clooney che attraversando il red carpet ha guardato i giornalisti e detto: "Ora il party può iniziare ufficialmente", forse aveva il sentore di essere tra i vincitori, visto che è stato premiato come miglior attore per il film "The Descendants" che ha conquistato anche il premio come miglior film drammatico.

Dev'essere un premio, quello per il miglior attore/attrice che fa uscire il meglio in fatto di presunzione ed eccesso dai vincitori, infatti, la vincitrice Maryl Streep per il film "The Iron Lady", che raggiunge quota otto Golden globe nella sua carriera, è stata persino censurata perché ha usato parole poco adatte alla cerimonia quando si è accorta di aver lasciato gli occhiali sul tavolo.

Madonna, che ha vinto il premio come miglior canzone originale con "Masterpiece", inciampando solo nello strascico dell'abito da sposa di Jessica Biel, "inavvertitamente" s'intende, ma la bella promessa sposa di Justin Timberlake è sicuramente abituata agli sgambetti e non è caduta sul bel tappeto rosso.

Kate Winslet ha vinto il premio come migliore attrice protagonista in una miniserie, "Mildred Pierce", l'unica pecca per lei un abito quasi anonimo, un corpetto nero con una lunga gonna bianca di seta.

La lista dei vincitori, volti, in parte noti anche nel nostro bel continente è lunga, ci limiteremo a citare, Martin Scorsese (miglior regista), Woody Allen (miglior sceneggiatura).

 

Degno di nota è sicuramente il film d'animazione "Il ritorno di Tintin" che ha vinto nella sua categoria e che ha come regista Steven Spielberg.

Written by Alice Salvador

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment