Alberto Sordi: in vita amò la principessa SorayaL'avvocato Giorgio Assumma, amico intimo del mitico Albertone, ha rivelato la lunga ed intensa storia d'amore vissuta dall'attore romano. Il re della commedia italiana fece molte conquiste, era del resto un gran seduttore, ma si vantò di essere rimasto sempre scapolo. L'avvocato Assumma ha dichiarato: "In realtà quello con l'ex imperatrice di Persia fu un legame fortissimo". Si conobbero  sul set del film "I tre volti" nel 1964 e continuarono a frequentarsi tra Roma e Parigi fino alla morte della principessa, che avvenne nel 2001. Quando si conobbero, Sordi aveva 44 anni, mentre la bella Soraya. La donna venne alla fine ripudiata dallo Scià di Persia. 

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

L'avvocato Giorgio Assumma (81 anni) fu in passato uno dei più intimi amici del mitico Alberto Sordi (1920-2003) e durante la serata di gala che l'omonima fondazione ha organizzato in occasione di quello che sarebbe stato il 96esimo compleanno dell'attore romano, si è lasciato sfuggire una rivelazione clamorosa. 

L'Albertone nazionale, colui che in vita si vantò di aver fatto numerose conquiste e di essere stato un vero e proprio scapolo d'oro, coltivò un amore segreto. 

Non di certo per una donna semplice, ma per una delle donne più belle, famose e raffinate di quei tempi: stiamo parlando della principessa Soraya Esfandiyari (1932-2001). 

E' stato lo stesso Assumma ad affermare: "Alberto Sordi ha avuto molte donne, ma sono stati amori assolutamente passeggeri. Di amori grandi, veri, per quanto mi risulta, ne ha avuto soltanto uno. Per una bellissima donna che era anche una principessa: Soraya" (dichiarazioni tratte da "Per tutta la vita Sordi amò in segreto una sola donna: la principessa Soraya" di Luisa V. Sandri, articolo pubblicato su GrandHotel Anno LXXI,n. 27, Luglio 2016). 

Soraya era l'ex moglie dell'ultimo Scià di Persia Mohammad Reza Pahlavi.

Nel 1958, dopo sette anni di matrimonio, Reza ripudiò Soraya in quanto non era riuscita a dargli un erede. 

Alberto Sordi amava profondamente quella giovane e stupenda donna dai tratti inconfondibilmente orientali, tanto da tenere una sua foto sulla scrivania fino alla morte. 

La rivista GrandHotel ha pubblicato sull'ultimo numero uscito, una foto della scrivania dell'attore, come appariva dopo la morte di quest'ultimo avvenuta il 24 Febbraio 2003. 

Sul di essa si intravede proprio un'immagine in cornice della splendida principessa persiana con tanto di dedica. 

Fu proprio Soraya a donare la sua foto ad Alberto molti anni fa, in ricordo del film girato insieme. 

Giorgio Assumma ha aggiunto: "Alberto ha voluto quella foto dinanzi ai sui occhi fino alla fine". 

Sordi era rapito dagli occhi suadenti, dal viso perfetto e delicato, dal sorriso smagliante di Soraya ed era solito guardarla come se fosse in estasi. 

All'inizio del 1965, alla prima milanese del lungometraggio "I tre volti" l'Albertone nazionale non riuscì a nascondere la passione per Soraya nemmeno ai fotografi. 

Assumma ha ribadito: "Fu il suo unico grande amore". 

Non per niente, la principessa era l'unica donna che l'attore romano invitava a casa. 

Dopo quel film girato insieme, Soraya decise di lasciare il mondo del cinema, tuttavia Sordi continuò a frequentare la nobildonna. 

Un amore, come già detto, durato fino alla morte. 

Soraya si trasferì infine a Parigi, dove si spense a soli 69 anni, il 25 Ottobre del 2001.

Alberto Sordi se ne andò solamente 16 mesi più tardi. 

Ora però è d'uopo chiedersi: "Come mai Alberto e Soraya non si sono mai sposati?".

A rispondere è sempre l'avvocato Assumma: "Forse a tutti e due andava bene così. In fondo, cosa c'è di più romantico di una principessa che vive lontana, da incontrare ogni tanto nel segreto più assoluto?". 

 

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment